Le Cantine Federiciane

Ciò che oggi sono le Cantine Federiciane è frutto di un secolo di lavoro, di esperienze accumulate e tramandate, di dedizione. Mentre l’originaria casa rurale si è trasformata in un accogliente agriturismo, le vigne si sono moltiplicate in tutta la Campania (quelle aziendali e quelle conferitrici) e la famiglia Palumbo, alla quarta generazione, tuttora produce con passione il suo vino.

Oltre ai vigneti è sorto nel 2000 un nuovissimo impianto di trasformazione che consente produzioni di alta qualità grazie ad una tecnologia all’avanguardia. Paolo, Pina ed i tre figli Marco, Antonio e Luca curano l’azienda nei vari settori di competenza dedicando tempo, energia ed amore.

La famiglia Palumbo non è sola: un gruppo di giovanissimi e preparatissimi collaboratori segue con convinzione il progetto aziendale; insieme hanno creato un team affiatato e grintoso che si propone alla sfida dei mercati con competenza e spirito costruttivo.

I nostri valori

Tradizione

Quattro generazioni di agricoltori
significano un patrimonio di cultura
tramandato e da tutelare ed arricchire:
l’arte di vinificare, conservando i sapori,
i luoghi, le abitudini di tempi lontani.

Innovazione

Non basta tutelare, bisogna andare oltre ed
applicare in concreto tutto ciò che la ricerca
ci offre per migliorare il nostro lavoro.

Passione

Quello che si fa ha un senso se fatto con
amore. Miglioriamo i nostri vigneti, curiamo
la nostra azienda, ci dedichiamo ai nostri
clienti con la convinzione che ciò che
facciamo è buono. Nonsolo per noi e per chi lavora con noi ma per tutta la comunità
cui apparteniamo..

La Produzione

Le Cantine Federiciane Monteleone si trovano nel territorio dei Campi Flegrei e da questi luoghi raccolgono le uve destinate al “Piedirosso” e alla “Falanghina” dei campi Flegrei D.O.C. La produzione di punta è il “Flaegreo” spumante ottenuto da uve Falanghina selezionate.

Un vino particolarmente caro alla famiglia Palumbo è il “Penisola Sorrentina” Gragnano e Lettere, prodotto già negli anni ’50 da Antonio. Allora veniva rifermentato in bottiglia e per resistere alla pressione della rifermentazione si usavano bottiglie particolarmente pesanti ed i sugheri venivano rinforzati con una legatura speciale fatta a mano da donne esperte.

Oggi le autoclavi consentono una lavorazione più veloce e controllata. La produzione è controllata dalla vigna fino al consumatore finale. Vengono infatti applicati rigidi protocolli di produzione in vigna ed in cantina per la trasformazione dell’uva in vino. Il laboratorio interno per il controllo qualità effettua un monitoraggio continuo delle varie fasi di produzione.

Il team

  • Paolo Palumbo

    È l’anima, la filosofia, il motore trainante. Un patrimonio di
    esperienza quotidianamente
    a disposizione dei giovani
    delle Cantine Federiciane.

  • Giuseppina Zamparelli

    Responsabile del reparto
    Amministrazione e dei rapporti
    con gli Enti.

  • Marco Palumbo

    Ingegniere meccanico,
    è responsabile degli impianti
    e della sicurezza.

  • Antonio Palumbo

    Sommelier con esperienza
    decennale nel settore vendite.
    A lui è affidata la direzione
    commerciale, il marketing
    ed il “customer care”.

  • Luca Palumbo

    Enologo dell'azienda, si occupa dei protocolli in vigna, della vinificazione e del controllo qualità.